Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Giulio Senzacqua

La Vanità

Un grosso bruco sun’gerso  camminava
passando su una tenera fojetta
stava li per fassene na fetta.
Quanno senti la fronna che se lagnava,
perché fai questo? è nà viltà.
So fresca e bella
so piena di vitalità,
vattene via ,vattene più in là
non so pe te, non so quella …
no me poi rovinà.
Er bruco a sentir quanto detto
rimasto un po’ sorpreso  da tanta vanità,
alzatosi su due piedi retto,
rispose alla fronna  con tanta falsità:
bella mia, la vita non lo fatta io
e tu lo sai quanno anch'io ce tengo,
solo a vedette io svengo,
e poi non è detto core mio,
anzi te vojo  fa più bella,
te vojo fa un piacere, te vojo ncornicià.
Da oggi sarai nà stella,
che tutte le fronne te devono ammirà.
Chiese la fronna un po’ curiosa :
perché tu sa fa questo?
Me poi fa radiosa?
me poi fa cambià d’aspetto?
Certo  rispose  er bruco,
ma dovrai soffri n' pochetto,
ma se lo dovemo fa, famolo  presto
l’ora è tarda e devo annà a letto.
La fronna je rispose:
Si famo presto
non ti darò più noia.
Er bruco defilato detto questo,
se mise a contorna la foglia
e poi je fa: che tavevo detto?
Sembri n'antra, sembri fatta apposta,
da oggi te poi vantà  ciai puro er merletto.
Giulio Senzacqua
Composta sabato 30 novembre 1985
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giulio Senzacqua

    Du lumache e la politica

    Dù lumache, un giorno che pioveva,
    s’encontrano pè strada
    se guardeno, se salutano.

    Una delle due dice:
    certo che la vita nostra è pè la storia.
    Perché je rispose l’altra tutta curiosa.
    Come non vedi?  dove passamo
    lasciamo er segno.
    E' vero rispose l’altra, tutta impettita,
    chi mejo de noi sa fà questo.
    Nel frattempo passa n' omo
    se china e le riccoglie.
    Finite dentro ar secchio,
    se guardano, e una delle due dice:
    che te dicevo? è nà soddisfazione
    Ce vonnò riunì pè facce fa n’ discorso.
    Giulio Senzacqua
    Composta mercoledì 30 novembre 1977
    Vota la poesia: Commenta