Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Kittel

La passione

Generatosi tra i rovi del peccato smaliziato e le insidie,
il loro sentimento s'accrebbe involontariamente,
gentilmente,
imprudentemente,
sino a radicarsi
alle più ostiche delle pendici umane;
gli antipodi del raziocinio.
Così si nutrirono di un affetto proibito e tagliente,
senza curarsi del cinismo
con cui per tempo
si diedero battaglia l'un l'altra.
Quanto solida divenne poi
la comunione delle loro esistenze!
Gli animi infetti e dolenti a vicenda si leniscono
grazie a un breve e sincero tocco,
con l'accigliarsi di abbracci teneri e infiniti,
dall'astrattezza quasi mortificante.
Giulia Berti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Kittel

    La sabbia nel cuore

    Protetti dalla premura del sole
    s'amarono teneramente;
    avvinghiati tra pelle, anima e sabbia
    s'amarono.
    Di sale e di vento divennero,
    lungo il dorso marittimo di un mondo cronicamente
    prodigo d'odio.
    Innegabilmente ed a lungo
    s'amarono,
    d'una frastornante bellezza,
    ammirabile.
    Giulia Berti
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Kittel

      Timori

      Risuonan pietose le odi del cuore,
      d'un sottile ed amaro timore si marcano.
      Infettato il nucleo del sentimento
      ogni brezza schiaffeggia il coraggio,
      ogni luna percuote il sereno.
      Beato chi mai ha conosciuto il tremore d'un bacio temuto,
      poiché mai ha covato in petto la paura d'amare.
      Giulia Berti
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Kittel

        Occhi di grano

        Grano nei tuoi occhi,
        impreziositi d'oro ad ogni inizio d'estate,
        copiosi, selvaggi;
        vi si riflette l'afa sfiancante dei meriggi d'agosto,
        la luce fioca ma audace delle sue albe.
        Se sorridi s'apre il mondo,
        in un magnifico ventaglio di tinte calde
        che ricordano i Balcani.
        Che ardore, i tuoi sospiri!
        Alle mie orecchie essi possono guidare perfino
        l'universo intero, senza indugio.
        Giulia Berti
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Kittel

          Gl'occhi dell'amore

          Inconfondibilmente melodico
          il ritmo dei loro sguardi
          che amandosi divengono di porpora,
          di sale,
          d'erba.
          Racchiudono segrete in loro
          innumerevoli tra le meraviglie del mondo;
          parlano d'oceani,
          di foreste,
          divengono cielo.
          L'impossibile, l'eterno, il tutto,
          quando s'amano con gli occhi
          sono per loro a portata di mano.
          Giulia Berti
          Vota la poesia: Commenta