Scritta da: Violina Sirola
Nove mesi al più resta l'uomo
in prigione nel ventre della donna
prima di uscir fuori dalla mona
e di venire a respirare in questo mondo.

Dopo mille tormenti, gli tocca finire
in una lugubre sepoltura
e per rendere completa la sua miseria
restarci eternamente.

Io vorrei che tutto avvenisse a rovescio,
che da morti nella tomba
non si avesse da stare che nove mesi,

e in compenso, per decreto di Natura,
si dimorasse nella mona di una donna
per tutto il tempo che durerà il mondo.
Giorgio Baffo
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di