Scritta da: jasmina
Teatro del nulla:
accollarsi il peso dell'esperienza, l'onere della vita.
Con questa faccia da adolescente ribelle.
Quando i fotogrammi sfrecciano veloci e tu non hai il tempo di rimontarli a sequenza... e poi il freno arriva, semplice e naturale.
E tu ti puoi concedere il lusso di uno spettacolo fuori dal tempo.
A mente calma il corpo segue, mite.
Sei in posizione di ascolto della vita, carpisci i messaggi e li fai tuoi.
E sei il nulla.
Gianna Gorza
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di