Scritta da: Giada Caserta

Luna

Il tramonto è giunto
e la Luna prende il posto di suo fratello Sole.
Ancora una volta mi guarda interrogativa
mentre me ne sto qui,
alla finestra ad osservarla.
Sembra mi stia quasi parlando,
ma io non la capisco.
Vorrei, ma non ci riesco.
Riesco solo a fare domande
e sono così abituata a non avere risposte
che non riesco a sentire le sue dolci parole alate
che cercano di confortarmi.

Lascio che la notte mi entri nell'anima
e lascio che si trascini dietro anche il suo compagno oblio.
Lascio la mia mente vagare,
forse sperando che trovi un'altra vana illusione
da cui lasciarsi ingannare.
E intanto la Luna percorre il suo stellato sentiero nel cielo
e le tenebre si congedano dando il benvenuto alla luce.
La mia anima però non ha trovato la pace che cercava.
Il mio cuore non ha trovato il rifugio che sognava.
Ed io mi sento più sola di prima in questo mondo senza primavera.
Giada Caserta
Composta mercoledì 24 novembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di