Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: seilion

seichelles

Come gemme, sparse a caso,
nel bel mezzo dell'oceano Indiano,
sorgono isole, atolli, scogli,
il Paradiso, per l'essere umano.

Da sempre, sicuro rifugio,
per tartarughe, uccelli tutti,
il tuo mare e ricolmo di pesci,
la tua terra da fiori e di frutti.

Antico approdo per galeoni,
nascondiglio per orde di pirati,
ora meta di turisti,
in cerca di lidi a lungo agognati.

La tua gente, è giovane i bella,
sorride alla vita, pronta ad amare.
Il tempo passa lento,
lo scandisce l'onda del mare

Le tue candide spiagge,
sono cosparse da rocce granitiche,
scolpite dal tempo, dal mare, dal vento,
sembrano menhir, che le rendono mitiche.
G.b. Sileoni
Composta domenica 25 marzo 2012
Vota la poesia: Commenta