Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Francesco Tamburello

Questo autore lo trovi anche in Diario.

Alla mia ombra

Perché tu mi odi e mi ami
ed, ugualmente, mi sei da condanna?
Sei il bacio di un'ombra che azzanna
bruta il cuore e ne spezza tutti i rami;
il tuo silenzio e la tua voce
sono due bocche dello stesso vuoto
in cui, per il tuo seno caro e perduto,
cado sempre giù nella profonda pace.
Perverso amore, avido della mia pena,
donna carnivora, mia dea e demonio,
solo il tuo nome è la mia corta catena
che mi lega alla tua mente e alle tue mani
incerte, dolci e prive di ogni comprendonio,
torture per me che t'amai oltre gli umani.
Francesco Tamburello
Vota la poesia: Commenta