Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Francesco D'Aquino

Viérno fore!

Nà matin e viérno
me scetai cu nu friddo n'cuollo
e vuttai l'uocchie dint a fenestella
che reve 'ncoppa a via dà casa mia.

Me pareva na via scunsulata
chine 'e fridde e cu nu viento
cà sciusciava forte
ma tant foerte ca me pareva
ca me vulesse parlà,
facenneme crerere ca tu stive llà
dint o friddo e mbalia do viento.

A pprimm acchitto a paura me pigliaie
e cercai e te verè,
comm o creature ca cerca a mamma,
ma o core mio me ricette
ca tu stive ccà, mpiett a mmè
e né o friddo e né o viento
te putevene piglià!
Francesco D'Aquino
Composta mercoledì 11 gennaio 2012
Vota la poesia: Commenta