Quando il mio cuore sarà di pietra,
tu sarai un bambino che lancerà i sassi per divertimento,
e proprio quel sasso,
lì dove io ero racchiuso,
tu lancerai nel vuoto impassibile del mio dolore...
E tra il frastuono sentirai l'urlo di strazio che risuona nei venti,
e capirai sorridendo l'arte suprema della morte.
Francesco Cerofolini
Composta sabato 23 ottobre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di