Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Nano

Soltanto se...

Abbiamo danzato leggeri
su una vita che non ci apparteneva
dura e spietata che non ci eravamo scelti
ma pur di restare noi uniti e amanti, abbiamo forse desiderato

mi hai tenuto per mano
insegnandomi i passi veloci dell'amore
accarezzato l'animo
volteggiando spensierata nel crudele bisogno dell'uno per l'altra

lasciandoti trasportare, sin dal primo momento, dal mio logoro calesse
fatto di sogni
tenaglie per fuggire
inchiostro per lasciarne traccia
e quella tenerezza mai conosciuta prima

ogni mio pensiero era il battito del tuo cuore
ogni mio respiro sapeva della tua pelle...
ogni tuo sguardo sussurrava desiderio

ma il peso di quella vita ci ha sopraffatti e sconfitti e lacerati

il tremore della gioia si è arreso a quello del dolore
e il ricordo è tornato ad essere il compagno di una esistenza
che non avremmo mai più voluto così

sola, rabbiosa, malinconica, nuda e bisognosa d'affetto,
e che forse non ci ha mai aiutati

ricordandoci invece - per ogni, e in ogni nostro dolce momento -
che avremmo potuto farcela, solo e soltanto se...

quel faro che laggiù ci illuminava riflettendo la tiepida luce nei miei occhi e nei tuoi
ora è spento

non ci guida più

ma solamente perché – come sempre dall'istante in cui t'incontrai -
tutto ciò lo hai tristemente deciso

e voluto soltanto tu!
Ferdinando Ferdinandi
Vota la poesia: Commenta