Scritta da: FAUSTO GAZZETTO

La ricerca

Semmai dovessi vedere una stella che cade, la cercherei!
Scalerei le montagne usando le mie mani come picconi.
Attraverserei i deserti senza alcun bisogno di dissetarmi.
Scruterei i fondali marini poiché non necessiterei d'ossigeno.
Non mi importa quanto tempo ci impiegherei!
Scorerebbe via come l'acqua raccolta tra le mie dita.
Ma immagino quel giorno.
Eccola lì!
Adagiata nel buio, ad attendere la mia gioia.
Dopo averla raccolta molto delicatamente tornerei per donartela.
Aimè!
Strada facendo il mio cuore si affliggerebbe sempre più,
scuotendo il capo continuerei a ripensare che tutto questo,
non sarebbe mai stato abbastanza per svelare l'amore infinito che ho per te.
Fausto Gazzetto
Composta sabato 15 gennaio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di