La foce

La foce dell'Osa
all'ancore effonde
sospiri di zolfo
un ago una pigna.

E blanda conduce
un tratto di scotta
il giunco la piuma
un petalo al giglio.

Nel campo riarso
il regio flagello
emerge fra poggi
e lingue di canne.

Dipartono acerbe
dall'acre sentiero
le dita terrestri
intinte nel mare.

L'impronta di un labbro
vermiglia abbandona
sul vivo dirupo
i resti del tempio.
Eros Nava
Composta lunedì 7 dicembre 2009
dal libro "Fiori di sabbia" di Eros Nava
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di