Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Emma Lamberti
-Andiamo a far volare gli aquiloni?
-Siii, sì amore, sì!
E siamo sul prato... quanti papaveri piccoli, come i miei passi che faccio insieme a te...
Voglio arrivare prima io al ruscello... E tu, sorridendo, mi prendi in giro.
-... sembri una bimba...
Ah già... sei la mia bimba...

Tu ridi mentre io non riesco a far alzare il mio aquilone...
Uffa... non riesco a capire da dove tira il vento...
Sto a guardare te... non posso concentrarmi...
E poi che m'importa degli aquiloni...
Noi voliamo già in alto...
Ci teniamo per mano
Anzi, io volo... E tu tieni il mio filo...
Così, sorvolo tutto quello che non va...
E voliamo... lontano da tutto e da tutti...
-Emmaaaa, guarda il mio, va più in alto del tuo... E ridi...
(... lo sai vero, che quando fai così, ti vorrei dare un bacio?)
E ridiamo...
Ci rincorriamo.
Felici!
Li abbiamo comprati insieme una sera d'inverno... pioveva.
Li hai voluti tu gli aquiloni.
Sì tu... tu... per farmi capire che il nostro amore non sarebbe durato solo una stagione.
Hai scelto il rosso per me, e l'azzurro per te...
Tu bimbo...
Io bimba...
Guardo col naso all'insù...
Gli aquiloni, s'intrcciano come le nostre mani.
-Allora durerà per sempre? - ti chiedo
-È così, se lo vorrai...
... E mi stampi un bacio sul naso...

Ops... è solo un sogno!
... ma chissà perché, il bacio ce l'ho stampato nel cuore...
Emma Lamberti
Composta venerdì 6 maggio 2016
Vota la poesia: Commenta