Scritta da: Elisabetta

La sigaretta

È lei che non mi fa sentire sola,
è lei che scandisce il tempo quando sono in compagnia,
è lei che mi fa impazzire se non mi è vicina,
è lei che mi fa uscire anche di notte,
è lei la colpa dei miei malanni,
è lei che lascia un odore penetrante,
è lei che arde e mi consuma lentamente,
è lei che vincola la scelta dei locali pubblici,
è lei la causa di tante vittime,
è lei che mi rende schiava,
è lei che mi fa scrivere questo.
Allora mi domando,
come faccio a venerarla?
Eppure è così una specie di amore,
e l'amore è sempre irrazionale.
Elisabetta Eli
Composta sabato 29 agosto 2009
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di