Scritta da: Elena G.

Punto di gelosia

Scriverò di te
quel che ancora non so
come fossero parole
lasciate da una mano in fuga.
Un treno in corsa
dove non c'è stazione.

Cercherò di te
quel che ancora non conosco
come fossero numeri
disposti in un misterioso gioco.
Un enigma da risolvere
quando non c'è indizio.

E allora giù,
irrequieta e tempestosa
udirò la tua voce
tranquilla.
E allora sù,
irata e timorosa
sentirò lei parlare
felice di avere.

Possesso vano,
tradimento alle porte
di una città svelata.
Mai così rapido
sarà il suo assedio.
Mai così difficoltoso
sarà il suo comando.

Una mano
non ha il calore
di roventi desideri.
Trema, impreca e prega
per paura di sfiorarti.

E ancora sù, e ancora giù
scriverò di noi.

Punto.
Elena Greco
Composta martedì 5 ottobre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di