Scritta da: Salvo Incardona

Non morrò una vita non vissuta

Non morrò una vita non vissuta.
Non vivrò nella paura
di cadere o di prendere fuoco.
Scelgo di prendere possesso dei miei giorni,
di lasciare che la vita mi apra
e mi renda meno impaurito,
più accessibile,
e sciolga il mio cuore
fino a che non diventi un paio d'ali
una torcia, una promessa.
Scelgo di mettere a rischio il mio significato;
Per vivere
così che ciò che mi è stato dato come seme
passi al prossimo come germoglio
e ciò che mi è stato dato come germoglio
diventi frutto.
Dawna Markova
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di