Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Danut Gradinaru

Un pò di tutto (dal timoniere...al magazziniere), nato giovedì 21 novembre 1974 a Mangalia (Romania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Danut Gradinaru

Ho sete di te...

Ho sete di te dolce amore.
Del tuo tocco morbido,
dalle tue labbra con sapore di rossa,
del tuo fresco respiro
che rinfresca l'anima
sotto la pioggia del desiderio ardente.
Immortalato
il mio destino
sarà per sempre.

Ho sete di te mio dolce amore.
Delle tue parole affascinante,
dalla musica cristallina del magico canto,
dei tuoi versi melodiosi
sulla tela del nostro silenzio
nel movimento instabile del vento
agitate onde di sabbia inquietante
si spolverano nell'etere.
E la tua voce è il mio tormento.

Ho sete di te mio amore.
Tu che non invecchi mai
e porti lo stesso sorriso del sole;
brillanti ali fanno volare il tempo
ma il nostro giuramento è un patto
scritto con lettere d'amore
ed io mi perderò seguirti
petalo per petalo sulle tue tracce
come un fiore d'argento senza colore.
Danut Gradinaru
Composta domenica 5 settembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Danut Gradinaru

    Fara

    Fara non sa parlare
    ma sa leggere, profondamente...
    sulle labbra,
    nel cuore,
    nel viso;
    sa leggere tutto,
    precisamente.

    Il suo gioco tenero,
    carico di fantasia
    è come un abbraccio morbido
    d'istinto vitale,
    libero di usare tutta l'energia
    ed osare,
    al di là dell'inutile.

    (... a volte basta poco per avere tanto,
    essere all'altezza di se stesso
    come semplice uomo,
    senza differenze;
    non è utopia...
    è il punto reversibile
    che può tornare...)

    Fara sa apprezzare
    senza limiti di percorrenza
    e gestire le emozioni,
    amare incondizionatamente;
    sa che il dono arriva dal cuore.
    Fara non è un uomo...
    è il tuo migliore amico!
    Danut Gradinaru
    Composta martedì 12 gennaio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Danut Gradinaru

      Il labirinto della vita

      La vita è come un labirinto
      ha tante vie sconosciute
      e a seguito di una strada o di un'altra
      puoi trovare davanti un muro
      un grosso muro che non puoi saltare
      e devi tornare indietro
      se ti rimane tempo
      se non sei troppo lontano
      ricominciare da capo un'altra direzione.
      Solo la fortuna può vincere il destino
      e la grande paura ti dà un nuovo ritmo
      come un impulso elettromagnetico
      che stimola i tuoi sensi affamati.
      Provi, provi ancora, provi sempre
      con nuovi passi da gigante;
      non rinunci mai
      e alla fine, quando sei arrivato
      trovando l'uscita eterna
      ti alzi nel volo leggero senza confini
      lasciando indietro tutto quello che avevi fatto.
      Danut Gradinaru
      Composta martedì 20 ottobre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Danut Gradinaru

        Un volo dimenticato

        Quando passerà questo inverno
        che ci fa trascurare da tanto tempo?
        Le ali sono ghiacciate...
        immobili
        e giacciono inerti
        nel loro silenzio di piombo.

        Povere farfalle...
        abbandonate,
        in un angolo di speranza;
        dove sono i vostri colori della vita?
        Che fine ha fatto la vostra danza?
        È inutile...

        Frutti amorfi
        immortalati nella crescita.
        Danut Gradinaru
        Composta mercoledì 10 febbraio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Danut Gradinaru

          Pensieri

          È inutile scrivere se non si sente il rumore del vento.
          (Ogni lettera è un suono, ogni parola è un tono musicale che vibra)
          Le parole si possono perdere col tempo,
          sotto le foglie secche...
          dimenticate.

          ---

          Non si può pitturare senza la luce.
          I colori devono essere vivi, intensi
          (ogni colore è una goccia di vita che illumina...)
          e riflettere l'immagine con i raggi di sole splendente,
          in uno sguardo indimenticabile.

          ---

          e la poesia...
          quel rammento utile e riconoscibile
          di un amore che mi colpisce profondamente
          dentro l'anima
          con il suo tenero abbraccio;

          mi fa vivere un'eternità!
          Danut Gradinaru
          Composta mercoledì 13 gennaio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Danut Gradinaru

            Bella primavera

            Sento il tuo sapore tenero come ieri
            con migliaia di profumi nuovi
            e i fiori che rigenerano i tuoi capelli
            in tanti colori diversi.
            Tu che porti gioia nel nostro giardino
            e dai vita di nuovo
            alle canzoni e danza
            facendo ballare anche i più piccoli.
            Tu che fai scaldare con i primi raggi di sole
            portandoci al fiume
            e rinasci ogni anno rivestendo le nostre città
            facendo chiarire il cielo
            e riportando la luce nelle nostre anime.
            Tu che non dimentichi mai
            il solito appuntamento con noi stessi
            e ci chiami sempre ad uscire
            nell'immenso verde solitario.

            Tu, sei benvenuta!
            Danut Gradinaru
            Composta domenica 15 marzo 2009
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Danut Gradinaru

              L'essere

              Nasci.
              Sei troppo piccolo
              a capire.

              Cresci,
              vivendo il sogno
              dentro di te.

              Ami
              cercando la tua
              anima.

              Sposi,
              influenzato dal tuo
              desiderio.

              I figli,
              grande gioia,
              la nostra continuita.

              Si cammina
              fino in cima
              senza fretta.

              Una volta
              arrivati su,
              inizia la discesa.

              Cerchi di aggrapparti,
              ad ogni ostacolo
              per rimanere più su possibile.

              Inutile. Il tempo non perdona nessuno.
              Danut Gradinaru
              Composta venerdì 27 giugno 2008
              Vota la poesia: Commenta