Scritta da: Lavinia Bova

Occhi Scuri

Occhi scuri, sorrisi sereni
Di quando in quando uno sguardo soave
Per poi calarsi verso la scogliera,
Fin sul mare.

Quale disprezzo ancor t'allontana,
Quale odio ancor da me ti fugge?
Per cui sol in quel settimo
Risa ebbi dal tuo viso

E non so ancora se di gioia,
Disprezzo oppure malinconia
Perché la tua anima, come la mia
È densa, è fosca, è fredda.

Bionde onde, ondulanti,
Che al fresco suon del mattino
Spumeggiarono a ritmi incessanti
Ed io, solo, che mirar altro non potea.

Rivederti, solo per poco,
Felice ma ancora seria,
Triste seppur allegra,
Rivederti, solo rivederti.
Claudio Lorenzi
Composta giovedì 5 agosto 2010
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di