Sarà forse una stella?

Stelle numerose, come quelle del firmamento,
sabbia innumerevole, come quella in riva al
mare.
Luccicano le cose splendenti,
soffrono da sole quelle solitarie.
Lo splendore della sua stella penetra nella
carne.
Attendo
il momento in cui possa dire "Splendo".
Acqua immensa, galleggia sul deserto, mentre
la sabbia diventa il suo corpo,
fino a quando non si trasforma in vento
che soffia tra i granelli di sabbia.
Si affanna ad amare le proprie bugie,
fino a quando non le vede più.
Chong Hyonjong
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di