Letti disfatti

Amano le stanze ombreggiate,
le carte da parati consunte,
le crepe nel soffitto,
le mosche sul cuscino.

Se ti viene la tentazione di allungarti,
non essere sorpreso,
non farai caso alle lenzuola sporche,
al raschio delle molle arrugginite
mentre ti metti comodo.
La stanza è un cinema buio
dove si proietta
una pellicola sgranata in bianco e nero.

Un'immagine sfuocata di corpi svestiti
nel momento della dolce indolenza
che segue all'amore,
quando il più malvagio dei cuori
arriva a credere
che la felicità può durare per sempre.
Charles Simic
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di