Scritta da: Carlotta Ghidoni

Luna

La luna brilla.
Incostante astro
sii splendente ed effimero
mi suggerisce parole d'amore
uscite dalla mia bocca,
che si perdono nel vento
ma mai udite,
da colui a me caro.

Se udite,
non sono state comprese;
perché troppo dolci
e innocenti,
per essere comprese
da orecchio umano.

Io,
piccola Dea della tristezza,
vivo nel mio oscuro mondo;
dove non vi è luce,
ne calore,
ne voce.

Doce non vi è amore
o passione
ma il solo e inesorabile
scorrere del tempo.
Carlotta Ghidoni
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di