Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Bepi Zuccollo
Pubblicata prima del 01/06/2004

Caresse

Go visto ne la sera i raji del sole,
lesieri caressare la montagna;
e go sentìo sui canpi odor de viole,
portà dal vento che me sfiora el viso.
Drio la finestra, un banbinel che pianze,
na mama la xé drio contar na fola;
un baso, na caressa, na parola,
e za lù vede in sogno el paradiso.
E lì sul gnaro soto el portegheto,
na rondine che ciàciara contenta,
la conta storie, viaji sora el mare,
e i picoli che tase par scoltare;
e lì butà su la cùcia drio la casa,
un cuciolo de can che s’indormensa,
sigando su la pansa de so mare;
le stele ride... e le sta lì a scoltare.
Carlo Ciscato
Vota la poesia: Commenta