Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: eyes

Il Buffone

Illuminami faro della mia debolezza,
parlami voce del mio silenzio,
perdo il controllo quando per cercarti devo salire ad alta quota,
e mi sembra di annegare quando tu scendi nel profondo,
grazie a te ho capito che non c'è fondo nel mio cuore,
che c'è tutto ciò di cui ho bisogno, cascate, colline, praterie,
e un grande casa, e ci sono due occhi
che mi guardano senza giudicarmi,
occhi di bimbo non ancora svezzato dalla tua tenerezza,
che è debolezza per i vigliacchi ma culla per gli eroi,
perché tu riesci a vedere in un buffone un eroe,
che si muove con la sua genuina goffagine,
che salva il cuore di chi lo incontra dalla tristezza,
da quel terribile inganno della tristezza,
e vincere una guerra che ormai dura da troppo tempo,
per questo so che non ho mai perso tempo
quando un po' imbarazzato ti guardavo nascosto
dietro i miei sensi di colpa,
e cercavo di non perdere neanche un minimo particolare
di ciò che avevo visto,
per vincere quella guerra e poter piantare finalmente
quella bandiera che porta il tuo nome,
amore.
Carlo Cabras
Composta martedì 27 agosto 2013
Vota la poesia: Commenta