Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Barbara Maresti

Da un rovo un fiore

Incontrai sulla mia strada sassi
che inasprirono il cammino.
Ombre scure, che offuscarono
la via della luce.
Paure che sembravano invincibili.
Camminai, passo dopo passo
lottando contro la ragione e l'evidenza
con amore verso quella vita
con me così crudele.
Vinsi i miei demoni
che facevano, di ogni conquista, una disfatta.
Mi liberai da quel rovo di spine
che mi avvinghiava le gambe.
Da tanto dolore, fiorì una rosa.
Barbara Maresti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Barbara Maresti

    A nuova vita

    O bellissimo essere, che sfidi ogni volta la morte
    per rinascere a nuova vita.
    Porti in te il calore del fuoco, che purifica e rigenera.
    La luce del sole che tramonta ogni giorno
    per rinascere in una nuova alba.
    Dalle tue ceneri la forza che crea linfa nelle tue vene.
    Il fuoco ti avvolge, ti sovrasta, ti distrugge
    ma tu non cedi alla morte, la inganni, l'ammalii, la vinci
    risorgendo dalle tue ceneri, a nuova vita.
    Barbara Maresti
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Barbara Maresti

      Rinascita

      Sapevo che non mi avresti delusa
      sapevo che avresti rialzato la tua testa.
      Solo un attimo l'avevi abbassata
      sotto il peso di un amore incompreso.
      Ti eri chiusa
      come un fiore in una giornata fredda
      nei tuoi silenzi, pieni di domande senza risposta.
      Come un puzzle hai ricostruito il tuo cuore
      giorno dopo giorno, hai ridipinto l'anima
      cercando in te, come nel profondo oceano.
      Giorno dopo giorno, la tua luce si è espansa
      fino a toccare il sole.
      Barbara Maresti
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Barbara Maresti

        Il mio nome è Loto

        Nata nel catrame vischioso
        della società malsana
        da un seme che porta ancora
        il segno delle proprie origini.
        Amasti chi ti aveva generato
        anima, con la sola colpa di essere nata
        dal ventre sbagliato di tua madre.
        Sentisti addosso, il peso della tua nascita
        ma non gli errori commessi da altri.
        Crescesti, fiera del tuo candore
        e della tua luce interiore
        che spazzava ogni sporcizia.
        Esempio al mondo
        che non si sceglie da chi nascere
        ma si sceglie chi essere.
        Barbara Maresti
        Vota la poesia: Commenta