Scritta da: Antonio Marziale
Amore folle da morire,

Come l'alba dentro i vicoli dell'anima
Mi sorprende il tuo calore
Fingo ancora di dormire sai
Mentre sfuggi ora ritorni da me...

La tua assenza ha molte vittime
Io che non so più aspettare
Tramontano giorni mai nati
Aurore mai sbocciate

La luce dei tuoi occhi
L'odore della tua pelle
L'attrazione da sempre esistita, col tempo sempre più intensificata
Che il desiderio non fà scemare
anzi il rischio di far danni aumentare

Amore pazzo, amore ora perso ora ritrovato,
amore che arde l'anima...
brucio di passione e mi hai appena sfiorato
amore che svanisce nei giorni che non avrò mai
Io chi sarò Tu chi sarai

Come l'alba dentro i vicoli dell'anima
Scopro al vento l'indecisione del cuore che dà troppo peso alla ragione
Brucia la passione al tocco dei nostri corpi
Come l'oscurità all'ombra dell'aurora
tenti di fuggir lontano da me

Ma il giorno segue la notte,
e la notte segue il giorno
desiderio che si consuma
luce che sfugge... ma lo sai che sei già mia.

Amore che fa paura,
amore che viene amore che chissà...
amore che svanisce nei giorni che non avrò mai
Io chi sarò Tu chi sarai
Amore che mi separa da te
Amore che mi lega
Io chi sarò, Tu chi sarai
Amore che viene, amore che vai.
Antonio Marziale
Composta martedì 11 maggio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di