Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: AnnaNico
No, non approveresti:
io sono una peccatrice;
e se il peccato mi rende libera,
non negherò di esserlo.
Adesso che sai,
sento su di me i tuoi occhi e
le tue parole giudizievoli che mi feriscono;
ma non sentirti in colpa se non riusciranno a cambiarmi in chi non sono.
Sbatterò le mie ali e volerò via;
e dall'alto ripenserò a te che in gabbia sbattevi
contro le sbarre cercando di uscire.
Io sono una peccatrice che non nega il suo peccato,
quello che l'ha liberata dal pensiero dell'essere sbagliata.
Anna Nico
Vota la poesia: Commenta