Le migliori poesie di Anna Andreevna Achmatova (Anna Gorenko)

Poetessa, nato domenica 23 giugno 1889 a Bolshoy Fontan, Odessa (Ucraina), morto sabato 5 marzo 1966 a Mosca (Federazione Russa)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Gabriella Stigliano

IL SALICE

Io crebbi in un silenzio arabescato,
in un'ariosa stanza del nuovo secolo.
Non mi era cara la voce dell'uomo,
ma comprendevo quella del vento.
Amavo la lappola e l'ortica,
e più di ogni altro un salice d'argento.
Riconoscente, lui visse con me
la vita intera, alitando di sogni
con i rami piangenti la mia insonnia.
Strana cosa, ora gli sopravvivo.
Lì sporge il ceppo, e con voci estranee
parlano di qualcosa gli altri salici
sotto quel cielo, sotto il nostro cielo.
Io taccio... come se fosse morto un fratello.
Anna Andreevna Achmatova (Anna Gorenko)
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Eclissi

    In una notte bianca

    Ah, non avevo chiuso la porta,
    le candele non avevo acceso,
    non sai come, stanca,
    non mi risolvevo a coricarmi.

    Guardare come si spengono le macchie
    d'abeti nel buio del crepuscolo,
    inebriandomi al suono d'una voce
    che somiglia alla tua.

    E sapere che tutto è perduto,
    che la vita è un maledetto inferno!
    Oh, io ero sicura
    che saresti tornato.
    Anna Andreevna Achmatova (Anna Gorenko)
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Tu verrai comunque

      Tu verrai comunque
      perché dunque non ora?
      Ti attendo
      sono sfinita
      Ho spento il lume e aperto l'uscio
      a te, così semplice e prodigiosa.
      Prendi per questo l'aspetto che più ti aggrada
      irrompi come una palla avvelenata
      o insinuati furtiva come un freddo bandito
      o intossicami col delirio del tifo
      o con una storiella da te inventata
      e nota a tutti fino alla nausea
      che io veda la punta di un berretto turchino
      e il capopalazzo pallido di paura.
      Ora per me tutto è uguale
      turbina lo Enisej
      risplende la stella polare
      e annebbia un ultimo terrore
      l'azzurro bagliore di occhi addolorati.
      Anna Andreevna Achmatova (Anna Gorenko)
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di