Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Angela Fanizza
Il foglio bianco era il mondo in cui mi rifugiavo;
mi confidavo con lui,
colmava i miei vuoti,
parlavo dei miei problemi.
Era con me quando ne avevo bisogno;
ci separava solo una penna.
Era il mio posto sicuro,
erano le braccia che mi avvolgevano,
erano le carezze che mi mancavano,
i sorrisi che cercavo,
il ti voglio bene che non sentivo.
Era il lucchetto agganciato al mio cuore.
Da nove mesi non scrivo più...
eppure le mie pagine continuano ad essere scritte.

A te
mia penna d'oro.
Angela Fanizza
Vota la poesia: Commenta