Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Andrea Vidili
Me ricordo quann' èro bambino,
Soltanto du scudi e c'havevo 'n tesoro.
Annavo de corsa da Giovannino
cò nella saccoccia quer mucchietto d'oro

Me sembraveno nun finì mai
e che ce potevo annà pure all'awahii

La verità è ch'èro pischello
e m'abbastava quarche giocarello.

Adesso de anni ne so passati
e li sordi nun me so mai abbbastati

no scudo, du scudi e du sacchi,
mezza piotta, na piotta e 'n testone.
Ma limortè, n'avrei voluti a pacchi
e 'nvece sur + bello m'hai fatto er bidone!

Addio lira, te saluto col rimpianto
de nun avette tenuto quasi mai accanto

ma d'avette troppo spesso 'nseguito
co l'unico risultato d'esseme ammattito

N'artro po m'aricoveraveno alla neuro
Speramo che le cose cambino co sto benedetto EURO
Andrea Vidili
Vota la poesia: Commenta