Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Andrea Botti

Speranza

Per il pescatore che guarda sempre verso il mare
Per il naufrago che indietro non può più tornare
La notte buia è lì che domina e non ti fa respirare
Le onde scure ti fanno annaspare
Il legno antico che si rompe
Il cielo si nasconde
Signore! Una mano o una preghiera
Lacrime salate si mescolano con l'oceano.
Una luce compare nel profondo
Risorgi! Evita che cessi di splendere
Aggrappati! Sali in cima al faro che illumina il mondo
Non è ancora il tuo momento disse il pescatore sorridendo.
Andrea Conte
Vota la poesia: Commenta