Scritta da: Andrea Carducci

Solitudine

Il mio sguardo vaga
attraverso questo vetro che
mi nasconde dal mondo.

La pioggia disperde le luci della strada e
amplifica la notte che si appanna
appoggiandosi sul velo caldo del mio alito.

La conosco questa.
È una notte come tante altre, piena di pensieri,
che arriva da sottoterra e ti penetra dentro le scarpe
arrampicandosi su nella testa con un brivido.

Maledetta la notte e
maledetta la solitudine che mi strema.
Guardo fuori attraverso il vetro ma
vedo solo il riflesso di me stesso
inghiottito dall'oscurità.
Andrea Carducci
Composta lunedì 11 maggio 2009
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di