I cani sono sensibili al pianto del proprietario e vanno in suo...

I cani sono sensibili al pianto del proprietario e vanno in suo aiuto

I nostri cagnolini sono proprio unici.

0
CONDIVIDI

I cani non riescono proprio a rimanere indifferenti al pianto del loro padrone: lo dice la scienza.

Non solo i nostri quattro zampe preferiti non rimangono indifferenti alle lacrime e agli stati d’animo tristi o depressi del padrone, ma addirittura fanno di tutto per aiutarlo. Non temono ostacoli, aiutano e basta: a stabilirlo (o meglio, a darne conferma) è uno studio condotto da Emily Sanford, della Johns Hopkins University e coordinato da Julia Meyers-Manor. La ricerca è stata pubblicata anche sulla rivista scientifica Learning and Behavour, e ha interessato 24 coppie composte da cane e proprietario.

Com’è avvenuto lo studio? In pratica il proprietario veniva “chiuso” in una stanza, come se fosse intrappolato, mentre il suo cane era messo in una stanza vicina. Ad alcuni è stato chiesto di piangere e gridare, di lamentarsi, mentre agli altri di chiedere aiuto ma canticchiando facendo sembrare di essere allegri. Come hanno reagito i cagnolini? Tutti nello stesso modo: hanno cercato di aprire la porta e salvare il proprio amico umano. Solo che quelli i cui padroni piangevano e si lamentavano, sono stati molto più rapidi. Come se il pianto andasse a toccarli più da vicino.

In conclusione, è emerso ancora una volta che i cani – oltre ad essere i nostri migliori amici – possono anche diventare degli ottimi confidenti e “psicologi”, ma anche dei validi aiuti in caso di pericolo per l’incolumità fisica.

CONDIVIDI

NON CI SONO COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO