Nati insieme e morti insieme: l’incredibile storia di Helen e Les

Nati insieme e morti insieme: l’incredibile storia di Helen e Les

La storia di Helen e Les è straordinaria sotto tutti i punti di vista: sono nati e morti lo stesso giorno, in mezzo una vita vissuta insieme.

0
CONDIVIDI

31 dicembre 1918: la Grande Guerra era finita, e in quell’ultimo giorno dell’anno stavano venendo alla luce Les Brown Jr. ed Helen. Nacquero praticamente insieme, ma pur vivendo in due paesi vicini non si incontrarono mai fino alle scuole superiori. Lì fu amore a prima vista: nonostante provenissero da famiglie molto diverse (economicamente e socialmente) e che non volevano in alcun modo questa unione, i due – al compimento della maggiore età – decisero di fuggire con in testa un solo scopo: quello di sposarsi.

E così fecero: era il 1937. Da quel momento nulla potè più separarli: vissero tutti i giorni della loro vita insieme, fino a quando a Les venne diagnosticato il Parkinson. Una malattia che ti consuma lentamente e giorno dopo giorno, ma Helen non staccava un momento gli occhi da lui. E’ innamorata come se fosse il primo giorno in cui si sono incontrati: difatti lo porta in giro per Long Beach, dove sono conosciuti da tutti. Un giorno un commerciante, vedendoli abbracciati, li saluta ed Helen gli sussurra: “Non credi che mio marito sia l’uomo più bello del mondo?“.

Purtroppo la salute di Les non migliora, anzi: le sue condizioni continuano a peggiorare. I medici avvisano Helen e la famiglia di Les: non rimane più molto tempo, gli restano ancora pochi mesi di vita. Il colpo di scena però deve ancora arrivare, Helen lo sa ma non lo dice a nessuno: anche lei è malata. Ha un tumore allo stomaco, ma non vuole che si sappia, soprattutto ora che sa che anche al suo grande amore restano pochi mesi. A lasciare questo mondo è Helen per prima, il 16 luglio 2013. Non passano che poche ore che anche Les si spegne. Nati insieme e morti insieme: quella fra Les e Helen è una bellissima storia d’amore.

NON CI SONO COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO