Dal 1625, un antico bonsai ha attraversato quattro secoli di storia del Giappone. Oltre a guerre e terremoti il piccolo bonsai di pino bianco è sopravvissuto anche alla bomba atomica lanciata dagli Usa a Hiroshima durante la Seconda Guerra Mondiale esattamente 70 anni fa.

Quando gli aerei statunitensi il 6 agosto 1945 sganciarono Little Boy sulla città nipponica, il bonsai si trovava a meno di due miglia dall’epicentro del fungo atomico. Eppure la pianta rimase miracolosamente intatta, poiché il muro del vivaio in cui si trovava all’epoca le fece da scudo.

E’ stato infine donato nel 1976 dal suo ultimo proprietario Masaru Yamaki all’Arboretum’s National Bonsai and Penjing Museum di Washington per celebrare il bicentenario della Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti. La sua storia è stata però scoperta solo nel 2001 quando i nipoti di Yamaki hanno fatto visita al museo negli Stai Uniti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here