Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Domenico De Rosa
[Alfredo, nell'ambito di una manifestazione culturale, viene premiato per essersi distinto come attore. Dopo le parole introduttive della presentatrice, si alza dal suo posto e ritira il premio. Tra il pubblico in sala, è presente suo fratello Vincenzo]
- Alfredo: - Sono contento; grazie, arrivederci.
[Applausi. Alfredo torna a sedersi in sala]
- Persona tra il pubblico ai vicini di posto: e questo sarebbe un attore? Poteva per lo meno fare qualcosa, uno sketch, non lo so... dire una battutina... Se ne esce così: arrivederci e grazie.
- Vincenzo, che siede nei pressi e ha sentito il commento, rivolto a costui: - Perché (...) ma che doveva dire? Cioè, se uno è un attore, prende il premio, dice: arrivederci e grazie, cioè è educato come...]
- L'altro: - ma come, che doveva dire? È un attore! Avrebbe dovuto dire qualcosina, non so, anche soltanto una battuta!
- Vincenzo: - vabbè, 'a battuta... Ma... ma pecché, addò sta scritto...? Tutti quanti piglianò o premio e se ne vanno; nessuno dice... Sulo isso adda dicerè a battutina, 'o sketchettino... Allora tutti quanti dovrebbero fare... 'o scienziato di prima... Prufessò, questo è il premio, però... per il pubblico, ja... ci inventi qualcosa, ci scopra na cosa... Allora, tutti quanti, o tutti o niente.
Alfredo (Franco Acampora), Vincenzo (Massimo Troisi)
dal film "Scusate il ritardo" di Massimo Troisi
Vota la citazione: Commenta
    Scritta da: Domenico De Rosa
    - Patrizia: - Valeria, basta! Guarda che se non la smetti, ti faccio mangiare da zio Vincenzo!
    - Vincenzo: - Pecché devi dì sti ccose a  'a guagliona?
    - Patrizia: - No, niente Vince', è che sta diventando troppo terribile, 'e uno s'adda mettere paura...
    - Vincenzo: - E uno s'adda mettere paura proprio  'e me? Sta tanta gente cca e me l'aggia mangià proprio io  'a guagliona? Eh no, pecché poi si ricorda  'e sta cosa, dice: "zio Vincenzo lo odio, perché da piccola mi dava i morsi, mi mangiava..." Ma pecché? Ce sta tanta gente, falla mangià da Alfredo.
    - Alfredo: - Nun aggio capito... pecché, a me me po' odià?
    - Vincenzo: - No, nun te po' odià; però fra tutt'e due, me e te, è meglio ca odia a tte (...) Tu, bene o male ormai, hai capito o no, stai a posto, non è che un domani dici: "aggio bisogno d' 'e nipoti ", pecché tieni na posizione, nun è ca... a me che ne sai, me faccio viecchio... dico " Valè, portami quello..." " No, perché tu mi mangiavi da piccola "... Mi odia già, hai capito che voglio dì? Ti odia a tte... tu parti, te ne vai... (...) Nun è pe' cattiveria, ca te voglio mettere contro  'a creatura, ma è meglio ca t' 'a magne tu...
    Vincenzo (Massimo Troisi)
    dal film "Scusate il ritardo" di Massimo Troisi
    Vota la citazione: Commenta
      - Anna: Mi piace fare l'amore con te.
      - Vincenzo: Anche a me.
      - Anna: E allora perché non me lo dici mai?
      - Vincenzo: Che significa? Se lo faccio, ca lo facciamo accussì, vuol dire che mi piace, no?
      - Anna: Eh no.
      - Vincenzo: Come no? No. È mai visto ca mi sò dato 'na martellata sulla mano o mi sò tagliato un orecchio? No. Sai perche? Perché non mi piace. È normale, Senza che uno ha dà dicere tutt'e cose. Certe cose vanno da se. Se uno capisce capisce.
      Anna (Giuliana De Sio), Vincenzo (Massimo Troisi)
      dal film "Scusate il ritardo" di Massimo Troisi
      Vota la citazione: Commenta
        Scritta da: Mauro Colon
        Tu ti potevi fare una ragione "mi ha lasciato perché ha incontrato uno svedese" oh ha incontrato uno svedese io sono il secondo nel mondo che essa ama, a me no io sono stato lasciato senza nisciuno e a cussi è peggio ma voluto proprio dicere, guarda "io non ho nessuno sto sola ma con te non mi metto manco se mi acciti".
        dal film "Scusate il ritardo" di Massimo Troisi
        Vota la citazione: Commenta