Frasi tratte da Commedie


Scritta da: Poetessa innamorata
- Marco: Niente...
- Walter: Simona?
- Marco: Sì, secondo me sta esagerando... Walter era solo una canzone! Io non capisco perché le donne siano tante attaccate alle parole.
- Walter: Beh insomma, è comprensibile se si tratta di parole d'amore, soprattutto se non sono rivolte a loro.
- Marco: Walter la canzone era per il bambino, lo stesso che tu hai accudito per primo quando Eva è venuta a vivere in magazzino e che noi tutti abbiamo adottato fin dall'inizio!
- Walter: Sì... per il bambino che noi tutti abbiamo adottato!
- Marco: Sì...
- Walter: A Marco, io ti conosco da quando sei nato e lo capisco meglio di te se stai dicendo una cavolata... quindi rispondi sinceramente a.
- Questa Domanda: Perché quando Simona ti ha chiesto dove eri finito tu non hai avuto il coraggio di dirle che sei rimasto tutta la giornata. Con Eva all'ospedale?
- Marco: V-v-vabbè... che c'entra? Perché Simona è gelosa di Eva e anche per colpa tua... ecco perché!
- Walter: Sì certo, io ho detto a Simona che tu e Eva avete avuto una storia, ma pensavo che glielo avessi detto tu e il fatto che tu non le.
[Abbia detto questa cosa non fa altro che dimostrare la mia teoria!]
- Marco: E cioè?
- Walter: Marco tu ci sei ricascato.
- Marco: Ma che...
- Walter: Ce l'ho chiaro io, ce l'ha chiaro anche Simona, solo tu non ce lo hai chiaro e speriamo anche Eva perché se fosse così succederebbe. Un gran casino!
- Marco: Walter la tua è una teoria del cavolo! Va bene? La canzone non era per lei.
- Walter: Sì, la canzone era per il bambino. Senti tu puoi continuartelo a dire tutte le volte che vuoi fino a quando non ti sembrerà vero, ma. Quello che sembra vero in realtà a volte non è vero!
Walter Masetti (Ludovico Fremont), Marco Cesaroni (Matteo Branciamore)
Vota la citazione: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di