Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Laila Ken
La certezza di un evento non può mai essere riposta nella validità dei ricordi di una persona. E solo quando si ha la certezza della situazione si può esprimere un proprio giudizio su qualcosa, e ancor più, su qualcuno.
Laila Ken
Composto giovedì 20 febbraio 2020
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Laila Ken
    Dialogo mattutino interno tra la mente e il corpo: 1* sveglia ore 6: 30 mente: amico buongiorno, sei ancora vivo, alzati...; corpo: non mi scocciare...; mente: abbiamo capito, le questioni iniziano già a prima mattina...; 2* sveglia ore 6: 35 mente: vedi che siamo alla seconda sveglia... che dobbiamo combinare? Alzati! Corpo: aspè aspè, il letto è caldo, fuori c'è freddo... mente: sta vita con te non si può fare... 3* sveglia ore 6: 40 mente: deficiente! Non te ne suonano più sveglie... alle 7 devi essere operativo, alzati! Corpo: basta, a posto, sveglio sono... lo vedi che sono fuori dal letto e c'è freddo? Brr! Mente: la giornata ancora non è iniziata, oggi ne avrò come minimo altre mille di questioni e devo iniziare a prima mattina con te! Corpo; buongiorno; mente: buongiorno;.
    Laila Ken
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Laila Ken
      Siamo l'ultima generazione di adolescenti la quale sapeva distinguere il bene dal male, capace di prendersi le responsabilità delle proprie azioni, di conoscere e trasmettere ai più piccoli i principi etici e morali senza essere bigotti. Abbiamo avuto sogni da realizzare, ci siamo guadagnati a dura fatica la nostra indipendenza... con questo non significa che la nostra adolescenza sia stata idilliaca e non sia stata senza problemi o che non abbiamo fatto qualche cavolata. Abbiamo vissuto con la speranza, madre di sogni, mete da raggiungere, la volontà di fare.
      Laila Ken
      Composto mercoledì 21 agosto 2019
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Laila Ken
        Uno dei principali valori della famiglia è il sostegno incondizionato, l'affetto e l'amore che vi si respira. Molto spesso avvolti nei veli intrecciati di una frenetica realtà facciamo fatica a sentirne gli odori. Ma il nostro mare è sempre li, attorno a noi, calmo o agitato pronto ad accogliere le nostre preghiere. È l'atmosfera dolce degli abbracci in cui ci rifugiamo e dei cuori che intendiamo proteggere e dei quali, senza la loro essenza saremmo arcobaleni senza colori.
        Laila Ken
        Composto sabato 18 maggio 2019
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Laila Ken
          Il gatto di Schrödinger è contemporaneamente vivo e morto dove spazio e tempo sono grandezze relative (Fisica quantistica). Così ogni cosa nel mondo delle sensazioni è contemporaneamente: il meglio e il peggio, il bello e il brutto, l'amore e l'odio, il sogno e la realtà,... Questo perché le sensazioni sono grandezze relative. La Logica afferma che se una cosa è vera non può contemporaneamente essere falsa perché siamo nel mondo della razionalità. Purtroppo la vita umana è regolata dalle leggi della relatività e non dalle leggi della razionalità. E, allora, perché si afferma che l'uomo si distingue dalle bestie per la naturale dote della ragione?
          Laila Ken
          Composto domenica 14 ottobre 2018
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Laila Ken
            Carissima cugina Rosalia ho scelto te come madrina perché tu sei una persona speciale, la persona con la quale voglio dividere questa giornata così importante. Vorrei che tu fossi per me, nel proseguo della mia vita, la mia guida e non solo spirituale.
            Noi abbiamo proprio un rapporto meraviglioso. Così bello che ho deciso di sceglierti come madrina di cresima. Credo che non ci sia nessuna persona più adatta che possa starmi accanto in questo sacramento così importante Una persona speciale in un giorno speciale.
            Ci sono momenti di tenerezza per quel tempo trascorso insieme, per quelle immagini della tua e della mia vita e dei nostri momenti vissuti insieme. E non c'è un'immagine che sia brutta, non c'è un istante in cui non sia felice per il tuo arrivo, non c'è un momento in cui non abbia ricavato gioia dalla tua presenza.
            Ti contraddistingui per bontà, simpatia, intelligenza, garbo che trasmetti con spontaneità. Dotata di una inclinazione naturale al buon umore, riesci nei momenti più spinosi a donare rose profumate a chi ti sta accanto con le tue parole calde ed il tuo sorriso invidiabile.
            Ti sono infinitamente grata per avere accettato di farmi da madrina. Grazie.
            Laila Ken
            Composto domenica 29 aprile 2018
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: Laila Ken
              Il numero delle filiali delle banche che continuano a chiudere è direttaente proporzionale al numero delle filiali di agenzie prestiti che continuano ad aprire. La proporzionalità di queste due grandezze rappresentano il quadro economico-patrimoniale di una nazione, di una regione, di una città, di un paese. Il potere economico, è sempre stato e sempre lo sarà, l'unica forza che governa il mondo; l'unico Dio che ha il libero arbitrio sulla politica, sulla comunicazione, sulla globalizzazione, sul benessere sociale, sul destino di ogni popolo. Ed io... io non voglio conoscere il futuro che aspetta la nostra nazione.
              Laila Ken
              Composto sabato 14 aprile 2018
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: Laila Ken
                Questa lettera va a me stessa a me che ogni volta che piango e qualcuno mi chiede cosa sia successo mi limito a dire che mi bruciano gli occhi. Va a me... a me, che cerco di sorridere anche quando sembra impossibile, a me che mi guardo allo specchio e vedo le rughe dell'età, alla mia fottuta sensibilità che mi fotte nel vero senso della parola, perché fa approfittare gli altri di me.
                Va a me, al mio essere troppo buona e spudoratamente generosa. Va a me che quando cado trovo sempre la forza di rialzarmi, a me che guardo intorno e vedo tante, tantissime luci, una città colorata... ma poi mi guardo intorno e vedo sorrisi spenti.
                Questa lettera va a me, ai miei sorrisi, alle mie lacrime sprecate, alle mie grida, ai miei momenti di pazzie, ai miei momenti noiosi, semplicemente a me stessa. Va a me, che quando devo aiutare gli altri sono un'esperta e quando devo aiutare me stessa, non sono neanche una dilettante.
                A me, che trovo sfogo in una stupida sigaretta, a me che faccio l'indifferente e poi dopo piango, a me che quando mi trovo sola mi sento ansiosa perché i miei pensieri mi occupano la mente. A me, che do tanto amore alle persone e non vengo mai ricambiata. A me che sono stata delusa, a me...
                Una me che molte volte non riesco ad accettare, ma con la quale sto imparando a convivere, una me che tutti hanno cercato di cambiare, ma che nessuno è riuscito a fare.
                Mi vedo... un passo dal cambiamento, dalla voglia di essere presente a me stessa, ai miei sogni. Ma come tutti i cambiamenti, prima che diventino qualcosa c'è la confusione, la paura, la solitudine.
                Ora mi sento persa dentro mille pensieri e parole, ma un giorno tutte queste vite che sto vivendo mi daranno ragione di quello che sono e sarò. Nel ritrovarmi mi sono accorta di aver lasciato qualcosa per strada ma è questo il momento di continuare il viaggio, con prospettive nuove. Non devo aggrapparmi solo al passato, ma devo attingere ora da me stessa, da questo mio presente, doloroso sì, ma ricco di prospettive di me, dei miei sogni, dei miei desideri; ricordo di aver letto da qualche parte: "i sogni sono mere rappresentazioni dei nostri più reconditi desideri, non sono vie di fuga, sono al contrario strade maestre da percorrere".
                Ascolto me stessa i miei sogni, il gusto del bello che da sempre mi seduce, vela i pensieri dei miei desideri più veri, dei miei ideali, ho certezza che tutto questo non è vano, non è destinato a perdersi per sempre. Sono onde di un mare che non conosce né confini né tempeste e quando lo sconforto sarà più grande dei miei desideri, allora mi affaccerò alla finestra, guarderò quella montagna che ho davanti, ascoltandone il suono e godrò del suo profumo. Mi farò accarezzare dal vento che soffia leggero, come un giorno... leggeri saranno i miei affanni.
                Penso che per ognuno di noi c'è un giardino, fatto di memorie, parole, profumi e suoni, che germoglia di anno in anno, attraverso il nostro cuore.
                Quando la vita morde ed il pianto sembra vano, là troverò sempre me stessa e chi mi ama.
                Laila Ken
                Composto sabato 10 maggio 2014
                Vota il post: Commenta