Questo sito contribuisce alla audience di
Scritto da: Ada Roggio
Da bambina avevo un sogno, volevo. Amavo creare. Volevo da bambina disegnavo tutto ciò che avrei fatto crescendo. Disegnavo, creavo, volevo. Da bambina ho subito non poche umiliazioni, ero diversa parlavo poco l'italiano, ero venuta da un paese lontano. Disegnavo, creavo, volevo, subivo. Da bambina scrivevo, scrivevo con mille errori, ma nel testo vi erano mille emozioni. Disegnavo, creavo, volevo, subivo. Da bambina cantavo, recitavo, ricamavo, cucivo, scrivevo, volevo, ma non potevo. Disegnavo, creavo, volevo, subivo, non potevo. Non amavo studiare, amavo creare, disegnare, scrivere. Realizzavo tutto a modo mio, senza regole. Riciclavo il vecchio, rotto, sgualcito. Tutto diventava unico, inimitabile. Gli altri potevano creare un simile si, ma non uguale. Disegnai degli abiti molto strani, ma belli. Volevo realizzarli sì... ma con i capelli. Matta mi dicevano, tu sei strana. Di lì il mio cuore si dedicò con passione perché! Disegnavo, creavo e ammiravo il mio sogno si era avverato, ogni abito realizzato l'ho brevettato. Li brevetto ancora. Sono felice e sai perché, continuo a creare senza regole come piace a me.
Composto giovedì 14 novembre 2013

Immagini con frasi

    Info

    Scritto da: Ada Roggio

    Commenti

    ATTENZIONE: l'autore ha richiesto la moderazione preventiva dei commenti alle proprie opere.
    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti