Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Raffaella Frese
Quanta cattiveria si erge dalle fondamenta dell'ipocrisia. Quanta falsità si arrampica e si insinua nelle viscere dell'incoscienza. No sono solo strappi al cuore queste realistiche condanne, ma ferite aperte che provocano infelicità e dolore a chi ne rimane vittima. Elaborare il lutto non vuol dire superarlo, come combattere la cattiveria non vuol dire sempre sconfiggerla. Troppa erbaccia afferra le nostre caviglie costringendoci a sopravvivere non a vivere! Questa è la dura realtà che dobbiamo tenere conto, ma sapendo anche che; se abbiamo il coraggio di affrontare i disordini e la cupidità della realtà, domani potremmo finalmente avere la meglio e sradicare tutte le erbacce che ostacolano il nostro cammino, (vivendo davvero).
Composta lunedì 13 ottobre 2003

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Raffaella Frese

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:7.73 in 11 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti