Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi inserite da Dario Pautasso

Questo utente ha inserito contributi anche in Poesie e in Umorismo.

Scritta da: Dario Pautasso
Era un sabato sera di dicembre. Ero nella mia stanza e stavo bevendo molto più del solito. Mi accendevo una sigaretta dietro l'altra pensando alle ragazze, alla città, e agli anni che avevo davanti a me. Guardavo davanti a me e non mi piaceva quasi niente di quello che vedevo. Non ero un misantropo o un misogino ma mi piaceva star solo. Si stava bene seduti tutti soli in uno spazio ristretto a fumare e a bere. Avevo sempre fatto ottima compagnia a me stesso.
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Dario Pautasso
    Essere di destra è l'insulto più volgare e più sporco che si possa rivolgere a una persona. Queste persone odiano le minoranze di ogni colore, si permettono stermini di massa di tutto ciò che non è bianco o non credente; [...] La loro logica è questa: meglio ammazzare esseri umani vivi e pensanti piuttosto che cellule in crescita prive di stimoli e incoscienti, rinchiuse in una tiepida cavità.
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Dario Pautasso
      Guardatevi attorno:
      le malelingue, ad oggi come in passato, con oscillazioni precise e ricorrenti, trasformano gl'esseri umani in barattoli di carne, senza più cuore. Senza coraggio. Compressi ed oppressi.
      Il peso delle parole astiose, malevole e maldestre sempre più pesa sulla schiena e sul petto di coloro che han deciso invece di starne fuori, di trattenere la severa parola, di provare, generalmente in totale solitudine, a seguitare il binario della giustezza, della correttezza. E così a poco a poco l'umanità s'abissa nella mortificazione e nel dispetto, lasciando a pochi eletti che per ragion naturali e di superstima non possiedono il senso d'umanità e d'amore, l'ebrezza estrema della forza e del successo. Della diversità in positivo.
      Finché anch'essi, annientato il prossimo con bruito feroce, nella solitudine del potente, affonderanno la specie umana, con la definitiva e totale involuzione in cui ancora una volta ci sarà solo la fuga della preda dal predatore, dettata dalla semplice ancestrale legge animale.
      Composta giovedì 23 giugno 2011
      Vota la frase: Commenta