Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi inserite da Dario Pautasso

Questo utente ha inserito contributi anche in Poesie e in Umorismo.

Scritta da: Dario Pautasso
Questo è ciò che ho imparato nella vita, poco più: prendi una persona, una cosa, un evento e guardalo attentamente.
Se il tuo cuore è buio, ci cercherai solo negatività e bruttezza, e le troverai all'istante.
Se il tuo cuore è limpido, ci cercherai solo bellezza, e sarà l'unica cosa che troverai.
Composta martedì 28 febbraio 2012
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Dario Pautasso
    A poco a poco prevale il silenzio, e allora, dalla mia cuccetta che è al terzo piano, si vede e si sente che il vecchio Kuhn prega, ad alta voce, col berretto in testa e dondolando il busto con violenza. Kuhn ringrazia Dio perché non è stato "scelto".
    Kuhn è un insensato. Non vede, nella cuccetta accanto, Beppo il greco che ha vent'anni, e dopodomani andrà al gas, e lo sa, e se ne sta sdraiato e guarda fisso la lampadina senza dire niente e senza pensare più niente? Non sa Kuhn che la prossima volta sarà la sua volta? Non capisce Kuhn che è accaduto oggi un abominio che nessuna preghiera propiziatoria, nessun perdono, nessuna espiazione dei colpevoli, nulla insomma che sia in potere dell'uomo di fare, potrà risanare mai più?
    Se io fossi Dio, sputerei a terra la preghiera di Kuhn.
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Dario Pautasso
      La gente è fortunata. Le piace tutto: coni gelati, concerti rock, cantare, ballare, odio, amore, masturbazione, panini col wurstel, balli folk, Gesù Cristo, i pattini a rotelle, lo spiritualismo, il capitalismo, il comunismo, la circoncisione, i fumetti, Bob Hope, lo sci, la pesca, l'omicidio, il bowling, i dibattiti. Tutto. Non hanno molto, perché non si aspettano molto. Ma sono una grande banda.
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Dario Pautasso
        La volgarità è il pretesto principe con cui i tromboni, di tutte le epoche, hanno cercato di tappar bocca alla satira. Si parva licet, anche del Boccaccio dicevano che era volgare e anche lui difendeva la sua arte, come me in questo momento. La verità è che la satira non è volgare, è esplicita. La satira usa come tecnica la riduzione al corporeo, alle esigenze fisiologiche primarie: mangiare, bere, urinare, defecare, scopare. Lo fa per sovvertire le gerarchie costituite. È il potere liberatorio della satira, secondo la tradizione millenaria che dalle sette dionisiache arriva fino al nostro Carnevale. Non esiste sacro senza profano. Il sacro senza profano diventa integralismo.
        Vota la frase: Commenta