Questo sito contribuisce alla audience di
Alcuni dicono che al giorno d'oggi il problema dei genitori sia quello di voler essere amici dei propri figli invece di esercitare la propria autorità per educarli. Io dico che il problema di molti genitori moderni è che hanno paura di invecchiare e vogliono vivere attraverso i loro figli, per questo vogliono essergli amici: per forzarli verso scelte che farebbero loro se fossero ancora giovani.
Composta giovedì 10 marzo 2011

Immagini con frasi

    document.write('');window.__cmpWait(function(){document.getElementById("singlequote-ad").className+=" adsbygoogle";pp.jss("//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3821133970955797","googleadsjs",0,{crossorigin:"anonymous"});(window.adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})})

    Info

    Commenti

    Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati

    18
    postato da , il
    Sono pienamente d'accordo con te, l'unica cosa sulla quale dissento è che sono i genitori "moderni" a voler forzare i figli verso scelte che farebbero loro se fossero ancora giovani.... è sempre stato così.... solo che prima cercavano d'imporlo. Secondo me il segreto sta nel ricordare quello che pensavamo dei nostri genitori quando volevano indirizzarci verso scelte che non ci piacevano e quali erano le nostre reazioni, le nostre  proteste...
    17
    postato da Meriadoc, il
    Sono d'accordo Jean-Paul.
    16
    postato da , il
    "Educare è più che istruire, è anche e soprattutto risvegliare la responsabilità di crescere, vincendo le paure e l'insicurezza per vivere con dignità e coraggio ogni pezzo di ogni giornata." ~Jean-Paul Malfatti
    15
    postato da Meriadoc, il
    Concordo Deb bisogna avere fiducia e lasciare che uno scelga per se, naturalmente. Però è anche vero come dice anche semplice mente che talvolta le forzature, purchè venga spiegato il vero motivo e si faccia capire che non è per sadismo e che anzi dispiace farlo, siano necessarie. Per esempio i bambini non conoscono il senso del pericolo, ed anche i ragazzi più grandi spesso non sono sufficientemente prudenti e qui un adulto deve intervenire anche imponendosi per il suo bene. Se per esempio, un esempio sciocco mi si perdoni ma non me ne vengono di migliori, un bambino di nove anni dice "voglio bere la grappa come fa il mio papà, mamma: mi compri una bottiglia di grappa?" allora un no è imperativo.
    14
    postato da Deb73, il
    io ho cercato in tutti i modi, di far fare delle scelte diverse dalle mie ai miei figli, ma a volte sono proprio loro a volerci imitare, a possedere nel "sangue" quella nostra stessa inclinazione o predisposizione...a questo punto sono d'accordo nell'indirizzarli, ma non piu' nel forzarli, sarebbe tutto inutile..."buon sangue"...

    Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati