Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: bluedeep
Di solito le religioni sono state molto distruttive, hanno mutilato l'intera umanità. Il trucco è questo: prima fai sentire in colpa le persone, le fai tremare; paurose, spaventate, oppresse, esse vivono in un inferno; poi le aiuti a uscirne, ti presenti ed insegni loro cosa fare per liberarsi.
Composta giovedì 13 novembre 2014

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: bluedeep

    Commenti


    115
    postato da , il
    Nel senso che anche questa è una filosofia, una dottrina :-)
    114
    postato da , il
    Ottima filosofia :-)
    113
    postato da , il
    Darti o darmi ragione? Che significa?
    Nessuno ha ragione, nessuno ha torto, perché ciò che conta non sono le dottrine, ma, a livello oggettivo, l'azione; e a livello soggettivo, l'intenzione.
    Le dottrine e le teorie sono tutte utili non per aderirvi (guai!!!) ma per confrontarvisi. Per tentare di capire. E ciascuno deve capire da solo. Miliardi di uomini, miliardi di filosofie. Perché si tratta di capire se stessi, e ognuno di noi è diverso dagli altri, è una sorta di "capolavoro" unico.
    Tutto ciò - come sopra dicevo - con l'avvertenza che le filosofie non servono a niente, perché ciò che conta per gli altri è l'azione, e ciò che conta nella realtà individuale è l'intenzione.
    Tutto qui.
    Da quanto detto capirai che il darti ragione non sposterebbe di un millimetro il problema, al pari che se tu mi dessi ragione...
    E anche il dare ragione a me stesso, cioè ritenere di averne, a nulla vale, se le mie azioni sono incoerenti con la mia "ragione", e le mie intenzioni non sono coerenti con l'amore universale che governa tutte le cose.
    Ciò precisato, ecco qua: hai ragione. :)
    Ma, se ci rifletti, non ti servirà a molto...  : ))))))))))))))))
    Né - quel che è peggio - ti servirebbe avere torto, cioè attribuire a me la "ragione"...
    Ciò che ci serve invece è cercare, scavare dentro di noi. Tutto ciò che ci serve è lì. Cercare con calma, con attenzione, e... con un pizzico di autoironia, che non guasta mai. :)
    112
    postato da , il
    Verità in "tacsa"... Si certo !!
    Allora, se non avessi voglia di guidare potrei tranquillamente prendere un tasci  :-)
    111
    postato da , il
    Molti coltivano e diffondono l'idea che dipendano dagli usi e costumi delle popolazioni, dici, io trovo che tutti lo fanno, tutti tranne qualche rarissima eccezione che cerca di  comportarsi diversamente, ma che, nonostante gli sforzi non sempre riesca nell' impresa.
    Gli attriti tra  gli uomini, e tra i vari popoli, quando non si arrivi alle guerre, dipendono dall' utilizzo soggettivo del concetto di bene e male, dallla volontà di far prevalere il proprio criterio a  quello dell' avversario, nella forma più autentica ed onesta; dal suo utilizzo disonesto per il raggiungimento di altri scopi ( vedi guerre in medio oriente). A questo si deve, poi, aggiungere la naturale e particolare predisposizione artistica dell' uomo di disputare, anche  solo dialetticamente, per rivendicare la propria verità, o meglio la propria ragione.
    Nella disputa , le due parti, a prescindere dalla verità oggettiva che non è conoscibile, possono credere di avere ragione entrambe, o nessuna delle due, o solo una di esse sa se ha ragione o ha torto, ma spesso si sbagliano entrambe. Il desiderio di far apparire come vera la propria dottrina, l' ambizione di avere ragione, può essere appagata solo con una disputa ed in questa, proprio come  per due schermidori , è importante solo il colpire ed il parare, non già sapere chi abbia effettivamente ragione, nè tantomeno chi abbia la verità in tacsa. 



    Se davvero, Pino, vogliamo essere un esempio raro di comportamento difforme dalla consuetudine, un esempio di universale tolleranza ed elasticità mentale abbiamo, amico, solo una via da seguire : Dammi ragione! Salta la sponda del fiume della dialettica del torto e della ragione e immergiti nell' oceano, vieni, ti aspetto: l' acqua è bellissima!
    :-))))))))))

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:7.91 in 44 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti