Questo sito contribuisce alla audience di
Il giullare della regina

Frasi dal Libro:Il giullare della regina

Questo autore lo trovi anche in Racconti.
Anno:
2008
Autore:
Philippa Gregory
Editore:
Sperling & Kupfer

Scritta da: Catherine Carey
Non Potevo sistermarmi senza Daniel,
Perché lo amavo. L'avevo amato fin da quando avevamo litigato davanti alla porta di Whitehall palace e da quel momento mi erano piaciute la sua fermezza, la sua fedeltà e la pazienza che aveva avuto con me. Avevo l'impressione di essere cresciuta con lui. Mi aveva vista entrare come buffone a corte, essere devota alla regina e affascinata dalla regina Elisabetta. Aveva visto la mia infantile adorazione per il mio signore e notato i miei sforzi per diventare la donna che ero adesso. L'unica cosa che non aveva visto. L'unica cosa che non gli avevo mai permesso di intuire era la soluzione di questa battaglia interiore: Il momento in cui avrei detto "si sono una donna e amo quest'uomo" tutto ciò che era accaduto a Calais si dissolveva davanti a quell'unica realtà. Ora che sapevo di amarlo e che avevo capito che forse per me era troppo tardi per dirglielo, non importavano più né l'ingerenza delle sua madre né la malizia delle sue sorelle, né la sua innocente stupidità nel pensare che avremmo potuto vivere felici sotto un unico tetto. Lui forse era morto. Se fosse morto, non avrebbe avuto alcuna importanza il fatto che era andato a letto con un'altra donna: la perdità più grande offuscava il tradimento più piccolo. Avevo perso Daniel e solo ora che avevo scoperto di averlo sempre amato.
Composta giovedì 15 marzo 2012
dal libro "Il giullare della regina" di Philippa Gregory
Vota la frase: Commenta