Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: LaStreghetta
La mia gola era il letto riarso di un fiume pietroso. Il mio cuore era un macigno pulsante che mi trascinava verso l'abisso della mia eresia. Le mie gambe si piegavano e subito divennero preda della corsa, che mi trascinò via, lontano.
Composta sabato 2 luglio 2011

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: LaStreghetta

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti