Questo sito contribuisce alla audience di

Amo i libri, i caratteri stampati, l'odore della carta e anche semplicemente vederli lì sulla mensola a prendere polvere. Li amo davvero, il libro è storia, il libro è emozioni. Il libro è cultura. La lettura è imparare, la lettura è sognare. La lettura tiene viva la mente, il cuore, l'anima. Leggere è troppo figo. I ragazzi di oggi dovrebbero imparare a leggere di più e rincoglionirsi di meno.
Tommaso Ferraris
Composta venerdì 10 ottobre 2014
Vota la frase: Commenta
    E poi ti trovi a camminare alle due di notte immerso nei tuoi pensieri, sotto una pioggerellina costante, che bagnandoti teneramente il viso ti fa assaporare l'abbraccio dolce del cielo, sprigionando un lieve sorriso in questo mio cuore martoriato dai troppi se, dai troppi ma.
    Tommaso Ferraris
    Composta domenica 29 luglio 2012
    Vota la frase: Commenta
      Arrivi ad un certo punto che alzi delle mura gigantesche intorno a te, il cuore ti diventa un piccolo iceberg, la diffidenza dilaga insieme alla strafottenza e fai o dici cose che una volta non avresti mai pensato, cose che non ti appartengono, e per uno strano scherzo del destino si colpisce sempre chi non centra nulla, ed è qui che capisci che non 6 più tu a controllare questa armatura ma è lei che comanda te.
      Tommaso Ferraris
      Composta domenica 22 luglio 2012
      Vota la frase: Commenta
        Amare qualcuno non è una cosa da niente... Non è solo far l'amore, ridere insieme, passare le ore a baciarsi e a rendersi felici a vicenda. Amare qualcuno significa soffrire, combattere, piangere, stringere i denti e andare avanti. Amare qualcuno significa prenderlo per mano anche quando si sta camminando su vetri rotti, farsi male per poi cercare di guarirsi.
        Tommaso Ferraris
        Composta martedì 8 maggio 2012
        Vota la frase: Commenta
          Prima mi sono messo alla finestra a contemplare un po' il cielo, visto che mi sentivo un po' solo, a un certo punto la mia attenzione è stata attirata da una figura nel cielo... le stelle stavano lì formando un disegno... e io le guardavo e guardavo, e non riuscivo a capire dove avevo visto quel bellissimo disegno... e poi un lampo, tutto mi era chiaro, ora ricordavo dove lo avevo visto... cavoli le stelle avevano disegnato in cielo il tuo splendido sorriso e in quel momento sorridendo anche io non mi sono più sentito solo...
          Tommaso Ferraris
          Composta sabato 18 febbraio 2012
          Vota la frase: Commenta