Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: scint
Figli di nessuno
(come il buon padre di famiglia)

Che padre è colui che dilapida le fortune dei suoi figli,
che a tavola invita coloro che non dovrebbe invitare,
che fomenta lo scontro tra chi dovrebbe amare,
che insegna ciò che non dovrebbe insegnare.
Che padre è colui che non incoraggia i figli con coraggio a proseguire,
che non accudisce il figlio più debole che dovrebbe accudire,
che nella famiglia punisce la sua parte migliore e non trae esempio da chi la vita gli ha voluto donare.
Che padre è chi non ricorda quel che il destino gli ha voluto affidare,
che non interpreta i sogni di chi vuol farsi guidare,
che pensa: - Il mio tempo è prezioso, quello dei miei figli è giusto sprecare-,
che non ricorda ciò che era e non sa più dove deve andare.
Che padre è se alla fine padre vuol farsi chiamare, ma non ha coscienza di ciò che in coscienza dovrebbe fare.

In fondo dico a voi:
chiamatelo pure,
chiamatelo pure un po' come vi pare,
ma per chiamarsi "Stato",
se lo dovrebbe meritare.
Raniero Cappelli
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: scint
    Trucchi e segreti.
    Delle tue memorie puoi conoscerne segreti terre e confini che le separano dalle altre, ma non credere di passeggiarvi svogliatamente attraverso, specialmente in quelle altrui, le qual trame non ti competono, poiché anche se quel che vedi ti appare sempre come nuovo, ciò che è stato è ben fermo in te e non serve a niente e a nessuno, sottrarre luci d'esistenza per poi farne raffinate eccedenze, semplici chiaroscuri, di dubbia utilità.
    Raniero Cappelli
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: scint
      A te che vieni giù dal cielo e niente e nessuno ti conosce, che scendi come luce di neve al sole posandoti senza lasciare tracce. A te che sulla trama e il pensiero di un futuro destino, evidenzi orizzonti impossibili in un contesto così vicino.
      A te che semini scorci di anime avvedute e valuti appieno concetti in persone così evolute, a te che sembri un alieno piombato su questo mondo antico e invece di vivere normalmente, sei li a riflettere su ciò che scrivo e dico.
      Raniero Cappelli
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: scint
        Effimera.
        Che sia sempre una soggezione, lo sbuffo di spazio che s'interpone fra l'idea e un gradino di prima grandezza,
        si può intuire dal frutto dolce amaro posto a custodia della distanza tra un'esitazione reale ad esclusivo vantaggio di chi ne è detentore
        e una rimostranza impulsiva proveniente da chi dà senza ricevere
        e da chi riceve senza alcun che dare.
        Raniero Cappelli
        Vota la frase: Commenta
          Scritta da: scint
          Vale la pena di morire per continuare a vivere, per far si che un giusto sorriso, diventi il sorriso di un giusto. Vale la pena di morire, affinché una sofferenza temporanea, non divenga un'eterna sofferenza. Per raccontare ad altri, che l'altro è importante come te. Vale la pena di morire per sapere per chi sei vissuto, perché sei nato e se ciò che hai sempre immaginato è vero, come ciò in cui hai sempre creduto. Per capire cosa veramente è importante e cosa invece non lo è. Vale la pena di morire per lasciare ad altri l'eredità di quel che sei stato e di quello che hai imparato. Per chiarire quello che hai fatto e per cosa hai lottato... se mai hai combattuto. Vale la pena di morire per una carezza ricevuta e per una appena data, ma vale anche la pena di vivere fino all'ultima stilla, perché la vita non è una pena, ma una stella che una sola volta brilla.
          Raniero Cappelli
          Vota la frase: Commenta