Le migliori frasi di Natale Ingrande

Questo autore lo trovi anche in Racconti.

E venne l'autunno, e le foglie caddero copiose dagl'alberi, divenendo sempre più spogli, più nudi, più tristi, e le foglie ingiallite staccandosi da dove erano nate, pensano alla loro breve vita durata solo una primavera. Adesso sono spazzate via dal vento o raccolte per essere bruciate. Come è triste vederle staccare dagl'alberi, il cadere copioso sembra il loro pianto, un pianto che si rinnova ogni anno.
Oh amiche foglie se questo è il vostro pianto io piango con voi, se è la vostra tristezza lo sono anch'io, ma penso che con il ritorno della primavera ritornerete anche voi, come sempre, da sempre, da prima che l'uomo nascesse, pur non avendo una storia da raccontare, seppur avendo tutto visto!
Natale Ingrande
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di