Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi celebri di Mariella Buscemi

Psicologa/Autrice, nato domenica 3 gennaio 1982 a Enna (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Poesie, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Mariella Buscemi
Alla donna che sono, tolgo le mani di dosso di chi vuole grattarle via i segreti e derubarle i misteri e le confessioni fatte a notte fonda e sottovoce, tra anima ed agonia. Alla donna che sono, evito le intenzioni incapaci degli inesperti che la rendono 'cosà sotto strati di oscenità, gettando sotto al letto la lettera scarlatta che l'è bruciata sul petto. Alla donna che sono, sottraggo i colori sbiaditi, adeguandoli alle sue iridi per arrivare, in un tuffo, alle pupille che si dilatano e si restringono a seconda di luce e buio. Alla donna che sono, regalo più carne e ossa per rivestire le ferite e camuffare le ammaccature, quelle morali e quelle vere di un tempo, inferte da mani violente e decido di farla vivere di sussurri e bisbigli, ché gli urli sono laceranti e l'hanno sempre spaventata. Alla donna che sono, do la possibilità di desiderare di nuovo e di fare l'amore come lo sapeva fare, perché... beh, sarebbe un peccato non farlo! Alla donna che sono, tolgo la taglia dalla testa, come fosse stata un'assassina ed invece, quella morta ammazzata è stata proprio lei. Alla donna che sono, dedico parole in poesia, sempre, ogni giorno, per ricordarle come viva con la sua testa.
Mariella Buscemi
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Mariella Buscemi
    Lacrime lunghe che arrivano alle ginocchia perché le ginocchia arrivano agli occhi ed i capelli fanno da coperta e le braccia da gabbia, la pancia da cuscino ed uno sgabello da trespolo, così, appollaiata al dolore a mangiar miglio liquido e veder il vento fare mulinello di piume, ché delle ali è rimasto scheletro decalcificato e dell'aria che libra, carbonio tossico.
    Mariella Buscemi
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Mariella Buscemi
      Mi si restringono le pareti del mondo a tentare di catturare le immagini nello scorrere di fotogrammi d'una pellicola mentale, diapositive in sequenza rapida, in serie e parallelo. Mi stoppa il fermo immagine di ciò che non ha nemmeno i contorni di una sagoma, evanescenza rarefatta, il mio immaginario. Col vento in faccia.
      Mariella Buscemi
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Mariella Buscemi
        Sono, troppo spesso, sulla difensiva, chiusa come le chiese sconsacrate, labbra serrate, perenne smorfia, tuttavia, non sono questi i miei momenti di "tristezza", ché lo so che come so tenermi compagnia io, nessuno mai. È lì che mi spopolo all'esterno, per dimorarmi da dentro, affollarmi di me, invitarmi ai banchetti dell'anima e, perché no, anche nelle stanze vetuste, quelle delle memorie che non affiorano mai alla bocca e che intraprendono vie secondarie raccordandosi, istantaneamente, alle arterie principali, ostruendo il passaggio con un "caduta massi" inaspettato. Come dopo un incidente, realizzi, scosso.
        Mariella Buscemi
        Vota la frase: Commenta
          Scritta da: Mariella Buscemi
          Scissioni elettive. Li chiamo così i frammenti che saltano in aria come mine vaganti, a rischio scoppio, da quel mio me centrale che avrebbe bisogno di interezza. Proiezioni. Salti funambolici tra il trapezio del Sé e l'isoscele dell'Io. Tonalità. Crome e diesis che mi urlano dentro in sinfonie distorte e stonate. E più mi urlo, mi urlano, più m'insonorizzo e più non mi do retta. Il "no" è la mia ottava nota musicale. Mi sbatto gli occhi in faccia. Mi allontano, di schiena. C'è chi si prende le misure; io mi prendo le distanze.
          Mariella Buscemi
          Vota la frase: Commenta
            Scritta da: Mariella Buscemi
            Starei per ore ad ammirare l'edera che si avviluppa a rete ed arbusti. Come se non dovesse abbandonarli mai. Come la falce - violenta - tagli via tutto, è un'altra storia. Come l'edera mutilata si riallunghi per intricarsi ed avvincersi a nuovi appoggi, non so se è una storia, ma è così che, sempre, succede!
            Mariella Buscemi
            Vota la frase: Commenta
              Scritta da: Mariella Buscemi
              Ebbene, sì! Abbiamo una natura animale. Siamo degli animali. Immaginiamo di assopirci, quietarci... cambiare. Io "credo" che l'unica cosa immodificabile sia proprio la natura! Abbiamo, qualche vita fa, mischiato il nostro sangue a quello del nostro animale totem, attraverso un morso ben assestato e si è diffusa l'infezione, il virus! C'illudiamo del poter, per giunta, consapevolmente ed intenzionalmente, mutare forma, ma quando il grido dell'animale ci scassa dall'interno col suo dirompere formidabile, ci ammutolisce d'ogni "legge". E ritorniamo puri!
              Mariella Buscemi
              Vota la frase: Commenta