Questo sito contribuisce alla audience di

Il vero furbo non è colui che pensa di esserlo, ma colui il quale, sapendo di esserlo, mette in condizioni l'altro di svelarsi qual'egli è. Il vero furbo, usa il fioretto intellettuale, un mix esperienziale culturale, insieme a quell'istinto innaturale, extrasensoriale, usa poteri di imprint visivo-mentale: ciò non è peculiarità del comune furbo, esso è innato, ancestrale peculiarità di chi ha occhi per guardare oltre, nel fondo dell'iride, in quell'unicum qual è il volto nella sua espressività, scannerizzando ogni sguardo e cogitari mutant.
Lorenzo Cardone
Composta domenica 3 febbraio 2013
Vota la frase: Commenta